Breaking news: Cortina rinuncia ai Mondiali 2017

5
1045

Il presidente Roda ha consegnato poco fa una lettera a Kasper

Oggi alle ore 18.00 (ora coreana, le ore 11.00 italiane) il Presidente FISI Flavio Roda ha consegnato la seguente lettera al Presidente FIS Gian Franco Kasper. Dopo la decisione della FISI, tutti i componenti del Comitato Promotore si sono espressi in merito (in calce al documento le dichiarazioni).

LA LETTERA – Spett. Presidente Kasper, Membri del Consiglio FIS,
con questa mia lettera comunico a lei e a tutto il Consiglio FIS che la FISI ritira la candidatura di Cortina per i mondiali di sci alpino del 2017. Mi farebbe piacere che lei leggesse questa lettera a tutti i consiglieri prima della votazione.
 Ciò che mi ha spinto a questa decisione è la consapevolezza che questa volta non è il momento di Cortina e che in certe situazioni difficili come questa servono scelte forti e coraggiose anche se non semplici da prendere. In linea con quanto la stessa FIS ha riconosciuto negli anni passati ai Paesi oggi candidati, ritengo sia doveroso fare un passo indietro nel rispetto della rotazione fra nazioni.
 La mia decisione è frutto di un processo di elaborazione lungo e sofferto. Essa non è facile perché il gruppo che ha portato avanti questa candidatura, a cui io mi sono aggiunto solo recentemente, ha svolto un lavoro eccellente per la preparazione del dossier, per tutti gli eventi collaterali alla candidatura e per la presentazione di martedì scorso. Il mio primo pensiero va a tutti loro.
 Proprio per questo però siamo convinti di proseguire subito l’attività e candidarci per i mondiali del 2019 con ancora più energia e dimostrando che Cortina sarà in grado di far vedere nel 2014 a Barcellona i nuovi lavori di rinnovamento della località, i quali saranno funzionali ai mondiali ma che non saranno fini a se stessi.
La condivisione tra FISI e Comitato Promotore del progetto di candidatura, alla luce dei recentissimi stanziamenti economici per la realizzazione di un nuovo impianto di risalita e per il rinnovamento degli impianti turistico-sportivi, permetterà di aggiungere al valore straordinario della vallata, già riconosciuta Patrimonio UNESCO, le integrazioni che miglioreranno tale progetto in corso di realizzazione.
 Kind regards/Avec mes meilleurs salutations/Mit freudlichen gruessen.
Flavio Roda
Presidente FISI

I COMMENTI – Andrea Franceschi, Sindaco di Cortina d’Ampezzo e Presidente del Comitato Promotore Cortina2017: «Abbiamo capito che non c’erano le condizioni per vincere e con lungimiranza il Comitato Promotore ha lavorato per il futuro. Prima di partire infatti avevamo detto che l’obiettivo era quello di prendere i mondiali del 2017 o in alternativa di porre le basi giuste per quelli del 2019. Credo l’obiettivo sia stato raggiunto».

Flavio Roda, Presidente FISI e Vicepresidente Comitato Promotore Cortina2017: «Quanto ho scritto al Presidente della FIS è esattamente ciò che penso. Le decisioni difficili a volte vanno prese anche se amare proprio per permettere che il lavoro svolto sin qui sia base solida per il futuro, per la candidatura ai mondiali del 2019 e per l’organizzazione degli stessi. Sono consapevole che la FISI durante il periodo di candidatura sia stata assente a causa della mancanza di un presidente, ma da oggi con il sottoscritto appena eletto la Federazione si impegna sin d’ora a non portare avanti altre candidature nemmeno di altre discipline per i prossimi anni al fine di concentrarci sull’obiettivo dell’ottenimento per Cortina dei mondiali di sci alpino del 2019. Sono convinto che l’impegno del Comune di Cortina, della Regione Veneto e dei partner, quali la Banca Popolare di Vicenza con il suo Presidente Gianni Zonin, saranno le ulteriori basi per una convinta ripartenza della nuova candidatura ai mondiali del 2019».

Enrico Valle, Presidente Associazione Permanente Coppa del Mondo di Sci Cortina e Membro del Comitato Promotore Cortina2017: «Le scelte difficili spesso possono non essere ben comprese all’esterno, ma sono sicuro che la gente di Cortina ha fiducia in questo Comitato Promotore e che capirà che l’obiettivo è portare i mondiali di sci nel nostro paese. A volte per raggiungere l’obiettivo serve consapevolezza, un bagno di umiltà e prendere decisioni amare».

Igor Ghedina, Presidente Sci Club Cortina e Membro del Comitato Promotore Cortina2017: «Ragionando col cuore avrei preferito che il lavoro svolto dal gruppo fosse stato votato dal Consiglio FIS, in ogni gara si parte per vincere. Stando a contatto in questi giorni in Corea con la realtà delle situazioni di politica sportiva internazionale ho ben compreso che a volte si deve fare un passo indietro con l’impegno di ripartire subito».
 

5 COMMENTI

  1. Che figuraccia per Cortina e per l'Italia!
    E comunque lo si sapeva già. Ed era ovvio, visto la figuraccia che ha fatto a suo tempo rinunciando ai mondiali di Bob del 2011, già assegnati per motivi sconosciuti ai più, ma non certamente giustificati o giustificabili negli ambienti internazionali, dove si pesa e si valuta tutto.
    Complimenti al sindaco Franceschi che tiene alto il nome di Cortina in questo modo, oltre che polemizzando con le verifiche effettuate dall'Agenzia delle Entrate a Capodanno.

  2. Nei fatti si è realizzata un ipotesi ancora peggiore di quella pessimisticamente immaginata.
    Cortina sarebbe arrivata 3° con zero voti. Un bel biglietto da visita per la prossima edizione. GIOBG sei libero di pensarla come credi, ma penso che abbiano fatto bene a ritirare la propria candidatura.

  3. Perché forse hanno capito l'aria che tirava. Immagino che abbiano valutato disdicevole la presa d'atto di una votazione in cui Cortina ne fosse uscita battuta nettamente, magari al 3° posto con distacco anche dalla seconda candidata.
    Come si sarebbero potuti rivendere a livello d'immagine dopo la 2° bocciatura consecutiva? Opinione personale naturalmente. Insomma il ritiro della candidatura di fronte ad una simile prospettiva ci starebbe eccome! Fa un certo effetto perché uno dei motivi per le quali furono indette le nuove elezioni alla fine di marzo (termini statutari a parte) era anche quello di permettere alla delegazione FISI di sostenere con maggior forza la candidatura di Cortina in seno al consesso FIS. Speriamo almeno che l'Italia ottenga il seggio nel gran Consiglio…