Box per gli austriaci… kart per gli svizzeri!

0
378

Allenamento e divertimento. Gli statunitensi in bici nella Napa Valley

Georges Joubert, il carismatico coach dello squadrone francese dei primi anni Settanta, predicava un allenamento vario, con la pratica di tanti sport. Sembra che la sua idea sia ancora valida. I tre gruppi maschili di Coppa del Mondo austriaci, per esempio, si sono recentemente cimentati nella box con gli istruttori delle federazione austriaca nell’ambito di una seduta di allenamento di quattro giorni a Wörgl, in Tirolo. Un’esperienza utile per il coordinamento e l’agilità. Due pareri su tutti. Manfred Pranger: «Ho preso un pugno in faccia e fa decisamente più male di una porta da slalom». Marcel Hirscher: «Noi sciatori pensiamo di avere i piedi agili, ma i boxeur ci hanno dimostrato di essere migliori di noi». Non è stata una bella esperienza quella di Wolfgang Hörl, ferito al polso. Ne avrà per 4-6 settimane. I francesi, invece, hanno pensato al canottaggio sul lago di Annecy. Ecco dunque che Fanara, Mermillod-Blondin, Pinturault, Tissot, Clarey, Poisson e Muzaton sono stati visti sfrecciare sulle acque dorate. Allenamento aerobico per i velocisti statunitensi. E quale allenamento! 600 chilometri su bici da strada lungo le coste della California, fino alla Napa Valley, dormendo in tenda sulla spiaggia. Un’avventura unica, ideata dal coach Tommy Eckfeldt. Entusiasti Nyman (il più veloce, spesso apripista del gruppo), Weibrecht & co. L’esperienza, come ha ricordato Sullivan, è stata anche utile per creare lo spirito di gruppo. Hanno pensato a divertirsi dopo un lungo e intenso periodo di allenamento, invece, gli svizzeri che recentemente si sono sfidati nell’Audi Kart Event a Lyss, vicino a Biel. La classifica finale? Nell’ordine, Beat Feuz, Reto Schmidler, Justin Murisier, Steve Locher (allenatore), Carlo Janka, Marc Gini… Nono Daniel Albrecht.

Articolo precedenteInnerhofer e Fill, una settimana in sella
Articolo successivoNadia Styger dice addio alle gare
Claudio Primavesi
DIRETTORE RESPONSABILE - Classe 1971, milanese di nascita, brianzolo d’adozione, l’importante è che da casa si veda qualche vetta innevata! Ha iniziato con un articolo su Buzzati sciatore per arrivare a… Sochi, prima per esplorare le cime caucasiche alla ricerca della neve fresca e poi per seguire le Olimpiadi. L’auto è sempre pronta: destinazione Sölden, Kitz od Ozegna, l’importante è raccontare ai lettori di Race che cosa succede davvero nel Circo Bianco.