Bode Miller, chi si rivede!

0
69

Vittoria dell'americano a Wengen davanti a Janka e Zurbriggen

Ha vinto Bode Miller. La sua discesa, sempre ai limiti dell’equilibrio, ha regalato un po’ di emozioni alla manche di slalom della supercombinata di Wengen, per il resto davvero soporifera. La discesa libera ‘vera’ di questa mattina – nonostante si partisse poco sopra l’Hundschopf – ha piazzato davanti in classifica tutta una serie di specialisti della velocità che non avevano alcune velleità in slalom. La gara si è così limitata alle prove di quei tre o quattro favoriti che nella discesa accorciata della mattina non avevano accusato troppo distacco da Miller. Bode alla fine ha vinto con 37 centesimi di vantaggio su Carlo Janka e 42 centesimi su Silvan Zurbriggen, togliendo ai 10.000 spettatori al traguardo la soddisfazione di una doppietta rossocrociata. Quarto posto per Benny Raich, quinto per Ligety, quindi Kostelic, Bank e Svindal. Per i colori azzurri va segnalato il decimo posto di Christof Innerhofer e il quattordicesimo di Dominik Paris. L’atleta della Val d’Ultimo, dopo l’eccellente terzo posto in discesa libera, ha contenuto i danni ottenendo il miglior risultato in carriera. Ventitreesimo Manfred Moelgg, autore del terzo tempo in slalom dopo Raich e Zurbriggen. Più indietro Stefan Thanei (quinto in discesa), Aronne Pieruz e Patrick Staudacher. Nella classifica generale di Coppa del Mondo. grazie al secondo posto odierno Carlo Janka ha ‘rosicchiato qualche punto a Benjamin Raich, che guida ancora con 686 punti. Si profila sempre più un duello tra questi due atleti, dato che Svindal e Cuche sono ad oltre 200 punti, ma non si può mai dire. Domani si torna a fare sul serio dopo la tristissima supercombinata: è in programma la discesa libera del Lauberhorn. La vittoria di oggi potrebbe aver risvegliato stimoli antichi in Bode Miller.