Baud, sfortuna nera: rottura del crociato anteriore

0

Fra dieci giorni si sottoporrà alla terza operazione alle ginocchia

Dopo Veronique Hronek, atleta tedesca che stava tornando ad alti livelli al rientro da un altro infortunio, ecco Adeline Baud, pure lei alla stagione post-operazione. Siamo proprio sicuri che sia così necessario, questo Team Event? La prova a squadre Mondiale aveva portato l’infortunio al ginocchio alla Hronek, quella delle Finali di Meribel getta nello sconforto la francese, reduce da una buona annata con pettorali alti sia in gigante che in slalom. 

INFORTUNIO – Pronti via, e nella prima manche dei quarti di finale della sfida Svezia-Francia, Adeline Baud scatta bene dal cancelletto, è in testa, ma prima dell’ultima porta esce dal tracciato, si ferma, si siede e sul suo volto compare un’immagine triste e sofferente. Proprio non ci voleva. La diagnosi è terribile: rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Il 30 marzo si sottoporrà alla terza operazione di questo tipo, in carriera, una carriera che sembrava essere decollata proprio quest’anno. In passato, il Team Event aveva ‘mietuto’ altre vittime illustri, come Benny Raich e Resi Stiegler. 

In bocca al lupo, Adeline! 

 

Articolo precedenteTina Maze, assalto finale ad Anna Fenninger
Articolo successivoMeribel, in scena l'ultima di Simoncelli?
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine