'Auspichiamo una rapida decisione del Consiglio'

14
1175

Dichiarazione congiunta dei presidenti di comitato sul ricorso Morzenti

Riceviamo dall’ufficio stampa dell’ex presidente FISI Giovanni Morzenti e pubblichiamo questa dichiarazione congiunta dei presidenti dei Comitati regionali.

Milano, 26 Gennaio 2012 – Confermiamo il nostro pieno accordo con la decisione della Consulta Nazionale della FISI di convocare l’Assemblea elettiva per eleggere Presidente, Consiglio Federale e Collegio dei Revisori dei Conti il prossimo 31 marzo a Modena, al fine di assicurare, in primo luogo, la piena rappresentanza dell’Italia al successivo congresso della Federazione Internazionale che dovrà prendere importanti decisioni. Auspichiamo però anche una rapida decisione del Consiglio di Stato rispetto al ricorso preannunciato da Giovanni Morzenti contro la decisione del TAR del Lazio di respingere come inammissibile il suo ricorso contro la decisione dell’Alta Corte Sportiva, che aveva determinato il commissariamento della Federazione Italiana Sport Invernali. Il ricorso, contro la decisione che ha sottratto la gestione della FISI a coloro che erano stati democraticamente voluti in quel ruolo dalla maggioranza dei tesserati, intende tutelare le Società sportive e tutti i tesserati e l’intera operatività delle diverse strutture della FISI, riportando quel clima di certezza, in particolare, tra i tecnici e gli atleti, che il processo di risanamento aveva avviato prima del commissariamento.
                     
Riccardo Borbey, Pietro Marocco, Claudia Giordani, Roberto Bortoluzzi, Manuele Ferrari, Hermann Ambach, Filippo Cherri, Angelo Cioncolini, Domenico Di Sano, Giuseppe Iandolo, Nuccio Fontanarosa, Vittorio Gargano, Giorgio Koelliker, Nicola Tropea, Fiorello Martire
 

14 COMMENTI

  1. Talian@ come hai ragione . Si deve votare online lo dico da una vita……Più nessuna Audi assegnata per i voti , più nessun viaggio gratis in sudamerica con " coperta " , più nessuna libagione e figuracce ai Mondiali o alle Olimpiadi , più nessuna prevaricazione ed angheria sui tecnici , sugli atleti e sul personale della FISI , compresi tutti i suoi tesserati , liberati, dico LIBERATI , da questi personaggi che hanno distrutto secoli di storia della Federazione . Il risanamento dei debiti é solo merito del CONI , il " condannato " ( sempre più adesso ) , non ha nessun merito , perchè quello che avanzava , se lo mangiavano lui e la sua cricca….Solo al riparo da ogni ritorsione , i tesserati potranno finalmente esprimere il loro voto e se il " condannato " o chi si presenterà a suo nome o per lui , vincerà ? , OK , vorrà dire che il popolo sovrano ha deciso così….penso proprio di no ( almeno per me… )

  2. Le uniche persone che acclamano Morzenti sono quelle che facendo parte della "cricca"ne hanno tratto benefici,a partire dai vari Bortoluzzi etc.etc..
    Nelle squadre agonistiche piuttosto che da parte dei comuni tesserati,di questo qui non gliene pò fregà demmeno.
    Se l'Italia vuole presenziare al consiglio FIS deve tenerlo alla larga…..

  3. Hai ragione Talian. Questi presidenti evidentemente hanno il timore di eventuali probabili ritorsioni. Chissà come ancora brucino le natiche dei presidenti che a suo tempo gli hanno votato contro. Sembra che alcuni club abbiano smesso addirittura di fare attività….roba da non credere! Non vorrei proprio trovarmi nei panni del sai e del suo presidente, questo si che ha avuto coraggio ed evidentemente ne ha anche da vendere. Il mio club conta veramente poco, ma io andrò certamente a conoscerlo a milano, sono incuriosito, penso che gli stringerò la mano e gli faro' i complimenti !

  4. Mi piacerebbe chiedere a questi presidenti di comitato che cosa cambierebbe la decisione del consiglio di Stato? Vogliono ancora un presidente che la FIS non vuole? Vogliono ancora un presidente che il CONI non vuole? Oppure non hanno gli attributi per dirgli in faccia di farsi da parte fino a quando non ha risolto le sue beghe penali???