Assoluti, nella prima comandano Costazza e Gross

21

Bormio Live – Dalle 20 le seconda manche degli slalom

Prima notizia: se a Bormio ieri per la libera c’erano temperature e neve odierne, gli italiani presumibilmente sarebbero stati ancora più davanti. Una Stelvio gelata infatti, sta ospitando gli slalom dei Campionati Italiani Assoluti, che per il secondo anno, dopo Pozza di Fassa, vengono svolti in notturna.

FASSANI AL COMANDO – Per il momento dettano legge i fassani a Bormio: sono Chiara Costazza (Fiamme Oro) e Stefano Gross (Fiamme Gialle) i capofila della prima manche, dove una discreta affluenza di tifosi e appassionati si è presentata nelle tribune, nel parterre e a bordo pista. In campo femminile intanto al secondo posto Sarah Pardeller (Esercito), davanti a Michela Azzola (Fiamme Gialle), Marta Benzoni (Esercito), Federica Brignone (Carabinieri) ed Elena Curtoni (Esercito). Fra i maschi dopo ‘Sabo’ c’è Giuliano Razzoli (Esercito) e in terza piazza il campione italiano in carica Manfred Moelgg (Fiamme Gialle). Quindi i Carabinieri Giovanni Borsotti e Patrick Thaler, Riccardo Tonetti (Fiamme Gialle), Roberto Nani (Esercito), Cristian Deville (Fiamme Gialle) e Giordano Rionci (Esercito). Dalle ore 20 la seconde manche della rassegna tricolore griffata Onlus Cancro Primo Aiuto e Alta Valtellina Alpine Ski.
 

21 COMMENTI

  1. … visto che sognare non costa nulla … lo Spinale davanti sarebbe una pista UNICA. 600m di dislivello, esposizione a Nord, pendenza media >50%, arrivo in piazza a Campiglio, Bar Ristorante al cancelletto di partenza, cabinovia dedicata e veloce, panorama da urlo, … è un vero peccato perche oggi è una pista sottoutilizzata, "antica" perchè troppo stretta e a punti troppo ripida… inoltre la ritracciatura del Canalone Schumacher sarebbe un regalo che apprezzerebbe moltissimo.

  2. … ora Madonna di Campiglio ha anche una ottima pista da SuperGigante Nabino/Pancugolo( … per la Libera è meglio lasciare perdere)… certo che se allargassero di 20 metri l'Amazzonia sarebbe una delle piste più adatte, tecniche, varie e belle della Coppa del Mondo… un Gigante a livello della Gran Risa.

  3. Ciao Runner, scusa ma ti mancano alcune informazioni. Procediamo con ordine.
    Tralasciamo Madonna di Campiglio, una gara negli ultimi 10 anni, e comunque d'ora in poi, in alternanza con la Val Badia che, come tutti sappiamo, offre una gara di slalom dai contenuti tecnici scandalosi che viene fatta lì solo grazie alla barca a vela di qualcuno. Ma tant'è, l'alto adige (e non il trentino) comanda, ha gli agganci giusti, sia in Fisi che in Fis e pertanto si cucca la parte migliore della torta. Se vuoi parlare del fatto che questo non sia giusto sono perfettamente d'accordo con te, ma stiamo parlando di ALTO ADIGE.
    Torniamo al Trentino. Riguardo alle universiadi, se le vuoi ti corrono dietro: scarso afflusso, costi ingenti e ritorni molto molto scarsi. Il trentino dopo avere rinunciato alla candidatura ufficiale per il 2017 (proprio per i motivi di cui sopra) sì è visto fare una richiesta di aiuto dalla FISU dopo una rinuncia all'ultimo momento della località a cui erano già stati assegnati (guarda caso), e ha accettato imponendo un budget molto più ridotto. Per quanto riguarda gli allenamenti non sono fatti qui grazie all'autonomia ma grazie a degli accordi fatti con la Fisi a cui vengono garantite gratuità negli alberghi, piste dedicate, assistenza in pista e quant'altro (unico ritorno la pubblicità, peraltro molto difficilmente valutabile). Ti faccio notare, a tal proposito, che il presidente Roda ha siglato un accordo lo scorso anno con le località italiane che ospitano la coppa del mondo chiedendo che si facessero carico anche di ospitare gli allenamenti delle squadre italiane, la sintesi è che non si può mangiare solo la cioccolata…..
    Parliamo ora del resto dell'arco alpino: Piemonte: Olimpiadi 2006, Campionati del mondo 1997, Coppa del mondo a Sestriere a più riprese (da adesso è già rientrato a pieno titolo sul femminile). Lombardia: Coppa del mondo fissa campionati del mondo 1985 e 1997. Veneto : Coppa del mondo fissa candidatura prox campionati del mondo. Penso che il trentino faccia volentieri cambio con ognuna di queste 4 realtà… e a questo punto possono in cambio prendersi anche gli assoluti tutti gli anni e in qualsiasi data vogliono…
    Questi sono FATTI non p…

  4. Buongiorno Talian. Stai riportando in auge una considerazione che ho fatto un anno fa, con i presupposti di quella data: allora torniamo con la memoria a quei giorni. Al Trentino era stata nuovamente (e ribadisco giustamente) assegnata la CDM; in più aveva ottenuto le universiadi e i campionati italiani, mentre le squadre azzurre, grazie alla vostra autonomia, continuavano a frequentare le vostre nevi. I termini dai quali nacquero le mie considerazioni furono questi. Quale altra regione italiana poteva dire di avere altrettanto?
    Quanto ai vostri vicini poi… siamo ben d’accordo. Sono certo bravi; ma per quale ragione le gare di CDM italiane (Bormio esclusa, meglio essere precisi mi pare) devono essere tutte in un fazzoletto di 10 chilometri? E il resto dell’arco alpino tricolore? Che senso ha per esempio lo slalom della Badia, a discapito (vedi che non ho nulla contro la vostra regione!) di quello di Campiglio?
    In ogni caso, concludo: la parte importante e principale del mio discorso non era questa, bensì quella relativa all’opportunità della data.

  5. Ciao Runner, quando scrivi che il Trentino è ben servito ti riferisci al Trentino o all'Alto Adige? Perche trattasi di due parrocchie completamente diverse…. Se ti riferisci al Trentino mi sembra che il tuo ragionamento faccia molta acqua.. Parliamo di CDM,campionati mondiali e olimpiadi, che è l'unica roba che tira, cosa ha avuto il trentino negli ultimi 10 anni rispetto a Lombardia, Piemonte, Veneto e Alto Adige. Prima di aprire la bocca certe volte è meglio contare fino a 10!

  6. I temi direi che sono due: uno (la rotazione delle sedi) ormai superato, e l'altro (l'opportunità di una data simile) sulla quale forse varrebbe la pena fare ancora qualche riflessione.
    Almeno così la penso io eh…

  7. Lo scorso anno la seconda manche dei campionati italiani tramessi da Raisport ha avuto 700.000 contatti circa che, confrontati con i 488.000 contatti della discesa di Bormio valida per la CdM cel giorno prima, non possono essere considerati un insuccesso. I numeri di quest'anno non li conosco. L'affluenza di pubblico alla gara la ritengo un fatto del tutto secondario: non cambia certo mille persone più o mille in meno.

  8. lo scrivevo perché mi pareva (e mi pare) che il Trentino fosse più che ben servito. Non voglio discutere certo la 3Tre – direi pure la gara italiana che più tra tutte merita di stare in calendario di coppa del mondo, non fosse altro che per tradizione – ma non trovavo equa l'assegnazione dei campionati alla stessa regione.
    Eppoi: se per "successo mediatico" intendiamo gli articoli del corrispondente locale dell'Adige e del Trentino, basta dirlo. Basta intendersi sulla misura…

  9. Ed inoltre, poichè mi sembrava di ricordare alcuni tuoi post sull'evento dell'anno scorso…. Se era stato così un flop perchè scrivevi: runner – 01/01/2013 10:38
    Si sa gia' dove li faranno l'anno prossimo? Non vedrei male la parte del Piemonte/Valle d'Aosta, sicuramente penalizzata negli ultimi tempi… non esiste solo il Trentino
    Caro Runner, Verba volant Scripta manent……………..

  10. Ognuno è libero di pensarla come crede, riguardo alla manifestazione dell'anno scorso, se non eri presente, forse ti farebbe bene rileggere qulche articolo di giornale… compresi quelli di race. Le opinioni come già detto sono indiscutibili, i fatti un pò meno !!!

  11. Non agli aspetti tecnici, ma alla promozione dello sport che amiamo. Bormio non aveva bisogno di un campionato assoluto in questo periodo, hanno già la pancia piena e si è visto. Pubblico quasi inesistente…non c'è stata festa e quindi non c'è stata promozione. L'esperimento di Roda, che l'anno scorso è stato un successo, quest'anno…