Alpe Cimbra FIS Children Cup: acuti vincenti di Bendotti, Savorgnani, Saracco, Scarabosio

0
Matteo Bendotti

Sulle piste della Folgaria Ski Area nella prima giornata delle selezioni nazionali dell’Alpecimbra Fis Children Cup, 46° Criterium Internazionale Giovani Fis organizzato dall’Altipiani Ski Team. Nelle gare intitolate come da tradizione alla memoria di Gianni Tononi, si sono messi in evidenza i due fratelli d’arte Edoardo Saracco e Stefano Pizzato, primo e secondo nello slalom gigante maschile under 14, che al femminile ha regalato la gioia della vittoria alla torinese Giulia Scarabosio, mentre nello slalom speciale Allievi gli acuti vincenti sono stati quelli del bergamasco del Radici Matteo Bendotti e della friulana tesserata per lo Ski College Veneto Valentina Savorgnani, seguita al secondo posto da Benedetta Giordani, nipote dell’ex azzurra e olimpionica Claudia Giordani.

Simon Talacci
Simon Talacci
Valt e Savorgnani
Valt e Savorgnani

A ospitare la gara tra i pali stretti riservata agli under 16 è stato il collaudato pendio della pista Martinella Nord, che ha esaltato le doti dell’udinese  che frequenta lo Ski College Veneto Valentina Savorgnani, capace di ipotecare il successo già nella prima manche, per poi ampliare il proprio vantaggio nella seconda. È di 1″17 il distacco inflitto a Benedetta Giordani, a cui va il merito di essere riuscita a salire sul podio nonostante l’alto numero di pettorale (il 32), che al tempo stesso conferma l’ottimo lavoro svolto dai tecnici dello Ski Team Altipiani nella preparazione delle piste nonostante il meteo avverso dei giorni scorsi. Sul terzo gradino del podio, quindi, è salita la bresciana dello Ski Team Val Palot Isabella Lantieri, che ha primeggiato nel testa a testa per il bronzo con Charlotte Audibert del Golden Team Ceccarelli, preceduta di soli 3 centesimi.

Alessandro Pizio
Alessandro Pizio

Più combattuta la gara Allievi maschile (under 16), che ha premiato la rimonta del bergamasco del Radici Group Matteo Bendotti, nono a metà gara e alla fine primo, complice anche l’uscita di pista dello sciatore del Comitato altoatesino Alberto Battisti (Ase Catinaccio), capace di far registrare il miglior tempo nella prima manche. Sono scivolati in classifica anche il secondo e il terzo classificato della prima discesa, Simon Talacci e Tommaso Saccardi (alla fine quinto e sesto), sopravanzati dal genovese dell’Equipe Limone Davide Damanti, già secondo alle selezioni e quarto nella fase internazionale due anni fa tra gli under 14, e dall’altro bergamasco del Radici Group Alessandro Pizio, che due anni fa fu secondo sia in slalom sia in gigante nelle gare internazionali. I due hanno chiuso nell’ordine, secondo e terzo a 22 e 35 centesimi dal vincitore, con Giovanni Franzoni dello Ski College Veneto rimasto ai piedi del podio per l’inezia di 3 centesimi.

Tommaso Saccardi
Tommaso Saccardi

Nello slalom gigante Ragazzi maschile in manche unica, disputato sulla pista Agonistica, le pennellate vincenti sono state quelle del promettente sciatore di Limone Piemonte Edoardo Saracco, fratello di Carlotta, atleta inserita nell’organico della nazionale Giovani femminile di slalom. Il portacolori dell’Equipe Limone, due volte quarto nelle gare internazionali della passata edizione, è riuscito a fare la differenza nel tratto più tecnico del tracciato e ha chiuso la propria prova in 56”15, lasciando a 49 centesimi il secondo classificato, il padovano dello Sci Club Drusciè Stefano Pizzato, anch’egli fratello di un’azzurrina, ovvero Sofia Saracco. Sul terzo gradino del podio è salito il parmense Alberto Cellie, incappato in due brutti errori sul muro che precedeva il tratto finale e due volte bravo a rimanere in pista grazie a due recuperi da applausi. Il suo distacco dal vincitore è stato di 66 centesimi, con l’obiettivo ora puntato sullo slalom di domani, la gara che predilige.

Giulia Scarbosio
Giulia Scarbosio

Non è un volto nuovo quello della vincitrice dello slalom gigante Ragazzi femminile, che ha visto primeggiare la torinese Giulia Scarabosio, vittoriosa nello slalom delle selezioni nazionali nel 2016, poi sesta e decima nelle due gare della fase internazionale. La portacolori del Comitato Alpi Occidentali, operata al ginocchio nell’aprile scorso, è riuscita a sorprendere perfino se stessa e ad andare a vincere nettamente con il tempo di 57”50, precedendo di 58 centesimi la sciatrice di Desenzano sul Garda in forza allo Ski Team Valpalot Ludovica Loda, alla sua prima partecipazione all’evento ospitato sulle piste dell’Alpe Cimbra. A due centesimi dalla bresciana ha chiuso la trentina Beatrice Sola, che è riuscita a riscattare l’uscita di pista di un anno fa e a confermare quanto di buono fatto vedere in stagione nelle gare del circuito provinciale. La giovane atleta dell’Agonistica Trentina, cresciuta in una famiglia di maestri di sci e residente a Sardagna, appena sopra la città di Trento, ha pagato un ritardo di due soli centesimi dal secondo posto ed è attesa nuovamente protagonista nello slalom di domani.