Allenamenti estivi, le aziende pronte a tagliare

1
66

Riunione della SRS in Svizzera, senza la Fisi

Riunione in Svizzera tra i rappresentanti del produttori di sci, l’SRS ( ski racing suppliers) , e i dirigenti delle federazioni nazionali: tema del giorno, chi paga il ‘service’ durante gli allenamenti estivi. Le aziende infatti, sono intenzionate a mettere a disposizione degli atleti i loro skiman, soltanto da settembre/ottobre, ‘tagliando’ di fatto la presenza in estate, quando la maggioranza delle squadra è oltreoceano, soprattutto in Argentina ma anche in Nuova Zelanda. Nessuna decisione definitiva ancora, tante proposte, una per esempio di ‘limitare’ a sedici i paia di sci, quattro per disciplina. Assente a questa riunione la delegazione della Fisi: «A Zurigo, non c’eravamo perché – ci ha confermato Richard Weissensteiner – perché il nostro interlocutore è il Pool (anche se nel Pool, a parte ovviamente le aziende italiane, ci sono solo le filiali dei gruppi stranieri, ndr). Credo comunque che per quest’anno si possa arrivare ad un compromesso».

1 COMMENTO

  1. «A Zurigo, non c'eravamo perchè – ci ha confermato Richard Weissensteiner – perchè il nostro interlocutore è il Pool (anche se nel Pool, a parte ovviamente le aziende italiane, ci sono solo le filiali dei gruppi stranieri, ndr). Credo comunque che per quest'anno si possa arrivare ad un compromesso».
    Non trovate che in questa dichiarazione ci sia tutto il pressapochismo della classe dirigente politica italiana?
    Se le aziende a Zurigo decidono unilateralmente di tagliare, perchè in sede di Pool Italia queste ultime dovrebbero rimangiarsi quanto già contrattato in sede internazionale?
    Forse il Pool Italia ha più risorse economiche delle case stesse??