Alberto Schieppati, basta gare

2
1102

L'annuncio su Facebook. Seguirà approfondimento

Alberto Schieppati ha annunciato poco fa il suo addio alle gare. Il virus che lo ha colpito da oltre tre anni sembrava sconfitto, invece il gigantista di Arese è ancora alle prese con questa malattia debilitante. Su Facebook ha comunicato il suo addio al mondo dell’agonismo, dopo la telefonata di rito con il dt Claudio Ravetto. Ecco le parole ‘a caldo’ di ‘Albi’. «Ciao a tutti, 
volevo comunicarvi il mio addio alle gare.
Purtroppo i problemi di salute continuano a perseguitarmi e non riesco più ad allenarmi. Sto troppo male.
Ce l’ho messa davvero tutta ma non c’è niente da fare. 
Fare l’atleta mi è impossibile e sono costretto a questa difficile ma obbligata decisione.
Sono 4 anni che combatto contro un avversario veramente bastardo… Ha vinto lui.
Ringrazio di cuore le tantissime persone che in questi anni mi hanno aiutato e che mi sono state vicine
. Ringrazio la Salomon che mi ha sostenuto davvero moltissimo anche nelle difficoltà, ma soprattutto ringrazio i compagni di squadra con i quali ho condiviso grandi emozioni
Grazie brandone,grazie simo, grazie arnold, grazie ploni!
Grazie PETRU!!!! E un grazie al vecchio toyo, grazie mille matte
. Grazie al centro sportivo carabinieri
. E davvero grazie allo sci club courmayeur. 
E’ stato bello». Seguiranno approfondimenti sulla questione.

2 COMMENTI

  1. Quando un atleta lascia l'agonismo per "anzianità di servizio", si pensa che abbia fatto bene, il suo posto può essere preso da un giovane, nel caso di Schieppati invece fa tristezza, lasciare per motivi di salute non è affatto bello. Si èuò solo augurare ad Alberto di riuscire a debellare i suoi guai e di rendersi utile in altri settori dello sci, magari in veste di tecnico !

  2. E' davvero triste quando un atleta decide di lasciare per motivi di salute.Tutti sanno quanto Schieppati abbia lottato e lo ricordo fiducioso a Soelden 2011.
    Spero che una persona così semplice ed onesta,da una vita nell'ambiente dello sci alpino,esperta quindi dello stesso, venga valorizzata per rappresentare ai massimi livelli italiani gli atleti che fino ad oggi sono stati i suoi compagni di vita sportiva.Grazie Alberto per avercela sempre messa tutta e in bocca al lupo per il futuro.