"Adesso sono io a caccia delle avversarie…"

1
196

Denise Karbon ha commentato a mente fredda la gara d'esordio a Soelden

Aggrappati a Denise. Nel fine settimana di Soelden il quarto posto di Denise Karbon è stato l’unico segnale confortante. Certo, tifosi e opinione pubblica aspettavano la finanziera di Castelrotto sul podio, ma ci è mancato davvero poco e anche la sfortuna questa volta ha fatto la sua parte. Per l’inezia di tre centesimi la gigantista azzurra ha mancato il podio, ma a conti fatti e a freddo la quarta piazza è un risultato soddisfacente, visto anche la debacle di squadra in cui si è salvata solo Camilla Alfieri con un quindicesimo posto. Denise non ha perso il sorriso, ed è pronta per tornare ad allenarsi già da lunedì prossimo.
Intanto i pensieri tornano all’ opening tirolese: “Sono soddisfatta anche perché le sensazioni sullo stato di forma non sono ancora al massimo. Mi sono allenata bene sul duro, sul ghiaccio, ma forse mi mancavano nelle gambe un po’ di giri sul ripido. Ad inizio stagione è difficile iniziare su piste così impegnative proprio perché nelle settimane di allenamento precedenti non ci sono sempre le condizioni ideali”. Con i dovuti distinguo, sembra che gli allenamenti prima di Soelden siano stati presi di mira da azzurre e azzurri. La Karbon, tuttavia, dice di non aver avuto sentito particolari pressioni il giorno
della gara: "In partenza non pensavo a tutto questo, anche se devo dire che nelle giornate prima sentivo di aver gli occhi puntati in modo particolare su di me e sulla mia prima gara dopo una stagione sensazionale. Tuttavia è normale che la gente adesso si aspetti molto da me…”. Denise ha perso il podio per un nulla, ma il distacco dalla vincitrice è di un secondo e mezzo. E’ questo il distacco reale? “Spero proprio di no…”, scherza Denise che continua, “La Zettel ha fatto una grande gara, ma sono sicura che il distacco non è quello reale. Certo, devo ultimare il lavoro per tornare la numero uno. Dal punto di vista della preparazione atletica sto bene, ma devo trovare sugli sci ancora
continuità d’azione e il giusto tempismo. Intanto adesso sotto con Levi. Positivo fino ad ora l’allenamento in slalom, anche se ho bisogno di sciare sul ripido anche in questa disciplina. Per il momento non so ancora dove mi allenerà la settimana prossima, spero di trovare comunque una pendenza similare a quella che avrò sotto gli sci in Finlandia
”.
 

Articolo precedenteCosa dobbiamo aspettarci dagli slalomisti?
Articolo successivoSkipass, primo giorno
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

1 COMMENTO