Addio Vuarnet: accordo di 7 anni con Basic Net

7
1173

Kappa o Besson per le squadre di sci alpino?

L’abito non fa il monaco? Oscar Wilde sosteneva il contrario e ci sentiamo di allinearci al suo punto di vista quando si parla di abbigliamento delle squadra nazionali di sci alpino. La FISI, infatti, cambierà ancora una volta ‘pelle’, dopo il passaggio da Fila a Vuarnet che risale a meno di due anni fa. Tra ieri e oggi, infatti, è stato raggiunto l’accordo di massima tra il presidente Morzenti e Basic Net, la società torinese di Marco Boglione proprietaria dei marchi Kappa e Besson. I termini dell’accordo non sono ancora stati svelati, il tutto verrà ufficializzato la prima settimana di giugno. Non è ancora nemmeno certo quale marchio apparirà sui completi e sulle tute delle squadre italiane di sci alpino (e degli altri sport invernali). In un primo tempo si parlava di Besson, anche se nella collezione Kappa esistono già alcune linee che con un’adeguata personalizzazione di design potrebbero assicurare tecnicità ed eleganza ai nostri atleti (e tempi più brevi di realizzazione della fornitura). L’accordo – questo è un aspetto da sottolineare, se verrà confermato – dovrebbe essere di sette anni, fino alle Olimpiadi del 2018. Una scelta importante, dunque, che dimostra la volontà di Boglione di fare sul serio nel settore della neve, un mondo che ha sempre ‘solleticato’ il suo interesse ma in cui non ha mai deciso di spingere sull’acceleratore. Bocche cucite dai quartieri torinesi di Basic Net, che con gentilezza hanno rimandato ogni commento. Tantomeno sono trapelate informazioni sull’entità economica dell’accordo: le solite ‘voci di corridoio’ parlano di 300.000 euro di sponsorizzazione per il primo anno che andrebbero a sommarsi a circa 700.000 euro di materiale. Ma sono solamente supposizioni, in linea più o meno con le proposte sul tavolo della discussione di un paio di anni fa quando invece la scelta cadde su CDA, licenziatario italiano di Vuarnet. Già, e Vuarnet? La licenza è passata un anno fa, più o meno, alla società Sport&Chic. Operazione che ha creato uno strappo nel rapporto Fisi/Vuarnet, al punto che non è mai stato firmato il contratto con i nuovi licenziatari e si è arrivati alla situazione attuale: il contratto con CDA è decaduto, essendo tale società in liquidazione, mentre con Sport&Chic non è mai stato firmato alcunché. In ‘soldoni’ mancherebbero un quinto della somma concordata sul primo anno di gestione (ormai pressoché impossibili da recuperare, nonostante siano in pista gli avvocati della FISI) e l’intera somma per la seconda stagione. Come non bastasse potrebbe essere presto recapitato alla FISI un decreto ingiuntivo per il pagamento del materiale consegnato quest’anno in assenza di contratto, con una cifra che – ipoteticamente – potrebbe aggirarsi tra i 300 e i 400.000 euro. Un bel pasticcio, un bel buco. Nonostante questo Basic Net ha deciso di puntare sullo sci italiano: vuol dire che un po’ di appeal ancora rimane…
 

7 COMMENTI

  1. secondo me l'operazione con basic net andava già fatta due anni fa: azienda di un certo spessore, esperienza nelle sponsorizzazioni di alto livello (nazionale di calcio, nazionale di rugby, roma), oltretutto le collezioni da sci molto belle… è la questione vuarnet che probabilmente lascia punti interrogativi (e un buco di soldi da prendere!!!).
    in quanto alla ricerca Energiapura, penso che se a Torino non sono del tutto tonti, daranno un colpo di telefono a Olivetto e studieranno qualche collaborazione per le le tute da gara.
    ultima nota: accordo di sette anni vuol dire che magari si faranno anche operazioni commerciali/merchandising con il materiale replica dell'italia, cosa che è completamente mancata nella gestione Fila e Vuarnet…..

  2. Va bene che sul passato ci sono molte ombre… per dirla soft! A naso faranno a pari e patta tra fornitura e soldi dovuti come sponsorizzazione…
    Sulla solidità di un gruppo come basic net non si dovrebbe avere dubbi però, i discorsi fatti su besson riguardano i tempi nei quali questa ditta era in mano ai vecchi soci e quindi magari la solidità era relativa.
    La cosa strana è che facciano un contratto di sette anni, quindi impegnino la dirigenza fisi per il prossimo quadriennio, ciò è stato fatto in passato solo con i diritti televisivi, e non è stato un bel accordo per la fisi….
    La logica sarebbe farlo fino alle prossime olimpiadi, quindi tre anni, con qualche clausola di precedenza sul quadriennio prossimo per un rinnovo se ci fosse la reciproca soddisfazione…

  3. Complimenti a FISI e BasicNet per aver raggiunto un accordo, ma…i due marchi non sono di certo il top dei top:
    Kappa ha esperienza solo con gli argentini e i messicani e nello sci ha una quota di mercato veramente risicata.
    La AnziBesson (prima passata di mano, poi fallita) ha lasciato debiti pesanti in Francia, promesse mai mantenute in Austria (mollandola in braghe di tela due estati fa) ed ora la FISI firma un accordo di 7 anni proprio con loro (Il Sig. Giuliano Besson non è forse ancora il suo Direttore)?

    Preoccupante.

  4. …altro che la stanza del …"buco". In FISI si sta per abbattere un prossimo buco finanziario mica male (sempre che le voci sul probabile inoltro del Decreto Ingiuntivo di cui si parlava nell'articolo).
    Speriamo almeno che gli avvocati ed i consulenti legali abbiano preparato davvero le contromisure adeguate, altrimenti non vedo come si potrà obiettare alla richiesta di pagamento del materiale fornito senza che il contratto di sponsorizzazione tecnica fosse non giù più valido!