A Zenere e Cerbo il GPI di discesa di Sarentino

In supercombinata vittoria di Guglielmo Bosca

0

Primo giorno di gare a Sarentino, dove è in corso di svolgimento il Gran Premio Italia maschile e femminile. Una due giorni per entrambi i settori, dedicata alla velocità. Dopo le prove di ieri, oggi si è svolta la discesa libera, con i maschi che nel primo pomeriggio hanno gareggiato anche in slalom per la supercombinata.

GPI ALLA ZENERE
– Al femminile la gara FIS è stata vinta da Verena Stuffer in 1.32.20 con secondo e terzo posto per la veneta forestale Asja Zenere (+0.74) e l’emiliana Michela Speranzoni (+0.93). Nella ‘standing’ GPI prime due posizioni per Zenere e Speranzoni, con la piemontese Costanza Oleggini terza (quarta assoluta) a 1”27. L’altoatesina Nadia Delago è stata la migliore Aspirante, quinta, a 1”48 dalla vetta.

CERBO ‘PIGLIATUTTO’
– Il piemontese Nicolò Cerbo ha vinto tutta la posta in palio. Si è aggiudicato la FIS e le due classifiche del Gran Premio Italia: Giovani e Senior. Cerbo ha vinto in 1.27.96, precedendo di 30 centesimi Slaven Dujakovic e di 32 Christopher Hoerl, entrambi austriaci. Quarto e quinto posto assoluto per l’alpino Guglielmo Bosca e Francesco De Candido, secondo e terzo Senior. Nei Giovani, alle spalle di Cerbo, si sono classificati gli altoatesini Fritz Lintner e Dominik Zuech, sesto e nono assoluto. Miglior Aspirante il valdostano Federico Simoni, undicesimo. «Sono contento per la gara di oggi e per i punti conquistati – ha detto Nicolò Cerbo -. Quest’anno voglio fare bene nel Gran Premio Italia perché mi sento in forma sia in superG, sia in discesa libera. Questa mattina c’era vento, poi per fortuna si è placato».

SUPERCOMBI A BOSCA
– I maschi hanno fatto anche la manche di slalom valevole per la supercombinata. Gara e ‘standing’ Senior sono andate a Guglielmo Bosca, all’arrivo in 1.58.30. Secondo e terzo posto assoluto – e GPI Senior – per Luis Kuppelwieser (+0.38) e Nicolò Cerbo (+0.49). Quarto assoluto, secondo Giovani, Florian Schieder, con quinto Andy Plank. Sesto posto per il terzo Giovani, l’altoatesino Fritz Lintner (67/100).