A Zagabria debutta il palo con cronometro

5
1279

Prodotto dall'italiana Liski, si attiva con l'urto dello sciatore

La telemetria entra nello sci. Con lo slalom di oggi a Zagabria e a seguire con quello maschile di dopodomani, infatti, fa il suo debutto il palo ‘Chrono’, prodotto dall’italiana Liski, che contiene un sensore attivato dall’urto dello sciatore. Sarà dunque possibile conoscere il tempo dell’atleta e se è in vantaggio in ogni punto del tracciato, superando le tradizionali rilevazioni all’intermedio e al traguardo. I dati, infatti, verranno trasmessi via radio. Si tratta di un’innovazione importante per lo sci e ci sono ancora delle incognite. Infatti Chrono sarà utile per atleti e allenatori, per meglio analizzare le performance, ma sarà anche un indicatore per il pubblico che segue le gare. In questo caso l’idea è quella di segnalare con una bandierina verde o rossa l’eventuale vantaggio o svantaggio a ogni porta, ma i softwaristi della FIS stanno lavorando proprio in queste ore per mettere a punto il sistema e non è sicuro che sia già possibile avere queste informazioni per i telespettatori. Il problema riguarda i ‘falsi’ che potrebbero essere provocati da addetti alla pista che toccano i pali, per questo si sta cercando di modificare il software in modo da avere una finestra temporale utile. Naturalmente l’utilizzo del palo ‘Chrono’ è previsto anche in altri slalom di Coppa del Mondo.

5 COMMENTI

  1. NOVELLI: "la Moelgg ha fatto una buona prima manche ( 7), meglio della prima di Lienz" … peccato che a Lienz nella prima fosse Terza !!! Ma non sa nemmeno leggere quello che gli preparano i 200 collaboratori che ha attorno ?

  2. … l'ultima telecronica che ho visto, quello che commenta con Chiesa, diceva tempi a vanvera e anche confondeva Vantaggio con Svantaggio. Spesso confondeva i centesimi con i secondi, … Rimasi stupito. Ma non sanno nemmeno leggere sul video ? Ma cronisti che sappiano che cosa sia lo sci non ce ne sono ?

  3. sì però credo che possa dare comunque un'idea piuttosto attendibile. sarà un meccanismo da perfezionare, come tutte le nuove proposte. ben venga però qualche innovazione anche utile al telespettatore: se dobbiamo sentire Gobbo, Tradati oppure Zanier e il suo socio innominabile (Novelli!!!) le gare in TV diventano una tragedia!!!!