A Desenzano del Garda il ‘Summer Workshop’ FISI

Analisi e confronto su diversi argomenti relativi a marketing-comunicazione

3

Dopo gli allenamenti sulla neve a Les Deux Alpes, almeno per alcune atlete presenti in provincia di Brescia, ecco appunto il workshop a Desenzano del Garda organizzato dalla FISI.  I protagonisti degli sport invernali hanno la possibilità di assistere a seminari sulle strategie studiate dalla federazione insieme all’Advisor Infront, confrontandosi sui diversi argomenti trattati relativi al marketing e alla comunicazione. Presenti una settantina di atleti al ‘Blu Hotels”.

FISI – «E’ stata una bella occasione per incontrare anche i compagni di specialità che durante l’anno difficilmente abbiamo – ha dichiarato Daniela Merighetti, festeggiata per il compimento del 34simo compleanno -. Ci troviamo in bel contesto, diverso dal solito. Sicuramente sono due giorni stimolanti».

RODA – «Il ‘Summer workshop’ è stato un evento importante, pensato per passare ad atleti e tecnici quelle informazioni che raramente hanno avuto in passato. Viviamo una fase storica in cui non è più pensabile che una Federazione come la nostra possa sopravvivere solo con i contributi che provengono dal Coni – ha detto il Presidente Federale, Flavio Roda -, al contrario è diventato indispensabile attrezzarsi per riuscire a ricavare dalle sponsorizzazioni e dalle partnership tutto ciò che è necessario per l’attività agonistica. La Fisi, nel 2014, ha investito oltre 18 milioni di euro nell’attività delle 14 discipline che gestisce. Si tratta di una percentuale che supera l’80% del bilancio: quasi tutto, se si pensa che gli stipendi del personale sono coperti dai fondi Coni. La gran parte di quei soldi derivano da aziende che hanno deciso di affiancare gli oltre 400 atleti e 300 tecnici della Fisi. Si capisce quindi quanto sia importante l’attività di marketing e comunicazione che la Federazione deve mettere in campo. E questo lavoro dovrà crescere ancora nel futuro».

//

Grande attenzione per il Fisi in Tour – Summer workshop, vero Manuela Moelgg e Marta Bassino? #weareFisi #bluhotels…
Posted by FISI – Federazione Italiana Sport Invernali on Lunedì 6 luglio 2015

Articolo precedenteAzzurre, 12 giorni in appartamento a Les 2 Alpes
Articolo successivoMerighetti: ‘Fra una settimana via la placca
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

3 COMMENTI

  1. Se l'80% sono 18.000.000 il restante 20% per le spese diciamo "politiche" sono circa 4.000.000€…non certo briciole. Il presidente per primo dovrebbe dare il buon esempio auto-riducendosi lo stipendio, visto che è il primo presidente della storia FISI che lo percepisce. O anche solo pagandosi anche lui come gli atleti qualche trasferta visto che viaggia molto e mai solo…
    In altri sport di solito il presidente mette soldi di tasca propria non li guadagna…

  2. Ma proprio perche gli stipendi del personale sono coperti dal Coni ci mancherebbe altro che la quota di budget riservata all'attività agonistica sia inferiore all'80%…e comunque dopo un bel discorso sul marketing si chiede il contributo economico di 2000 euro ad atleta…