A casa Fanchini

0
1046

Nadia verso St.Moritz, per Elena fisioterapia a Darfo

Piove a Montecampione, l’angolo di Valle Camonica dove vivono Nadia e Elena Fanchini. La neve caduta negli ultimi giorni se ne sta già andando. C’è “traffico” a casa Fanchini. Nadia sta facendo i bagagli per St.Moritz, un giorno a casa dopo La Molina e subito via alla volta dei Grigioni. “In un solo giorno devo fare mille cose, e ieri sono addirittura andata in caserma a Predazzo per firmare alcune carte”. Non c’è respiro per la ‘jet’ camuna. Da Boario Terme mentre si sale verso Montecampione, località sciistica bresciana divisa fra i comuni di Artogne e Pian Camuno, si contano tanti striscioni inneggianti alla vittoria di Nadia a Lake Louise. “Mi hanno fatto una grande festa quando sono tornata dal Nord America, con tutto il Fan Club: una grande gioia davvero. E’ bello vedere tante persone che ti considerano in questo modo, ed è ancora più bello averle ripagate. Se la prima dedica della vittoria è stata per la mia cuginetta Giuly, in seconda battuta penso a tutti quelli che fanno il tifo per me e mia sorella, da quando non eravamo ancora in squadra C”. Le pareti di casa Fanchini sono piene di foto che ricordano podi, medaglie e vittorie di questi anni in squadra nazionale di Nadia ed Elena. E’ mamma Giusy che puntualmente da ogni successo arricchisce le pareti di casa. Se Nadia è in procinto di raggiungere l’Engadina, anche Elena ha il suo da fare. Gira ancora in stampelle, ma almeno da qualche giorni può appoggiare il piede. Elena deve andare in piscina a Darfo per fare fisioterapia in acqua, “ma fra qualche giorno inizierò, ovviamente con le dovute precauzioni, ad andare in palestra. Ho voglia di recuperare e non vedo l’ora che arrivi marzo per rimettere gli sci. Se mi annoio in queste settimane? Sono una persona molto attiva, e anche quando sono a casa faccio sempre i miei giri. Ora che però posso appoggiare va meglio, mi passa un po’ di più”. Ora sono in due ad aver vinto, “Lake Louise la nostra pista? Aspettate, manca ancora Sabrina!”.

Articolo precedenteAndy Plank sulle orme di papà
Articolo successivoSulla Saslong è speed-time!
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...