35 atleti al traguardo su 133 nello slalom di La Thuile

1
321

Vittoria nella Fis Giovani per Ivan Codega davanti a Romano e Muller

Parla francese lo slalom Fis Giovani di La Thuile, con i transalpini Antoine Marical e Steven Théolier a occupare il primo e il terzo gradino del podio; tra i due s’inserisce il lecchese Ivan Codega. Se il gigante di ieri aveva mietuto vittime – soltanto 65 atleti su 140 al traguardo -, oggi la Diretta 2 si è rivelata ancor più ostica: nella classifica finale soltanto 35 classificati, e ben 84 costretti all’abbandono nella prima manche (13 nella seconda), su un lotto di partenti di 133. La Diretta 2, che nella parte finale s’interseca con la “3 – Franco Berthod”,
sarà teatro anche delle prove tecniche dei Campionati italiani Assoluti, a fine marzo, anche questa organizzata dallo sci club La Thuile Rutor come la due giorni di prove Fis, un’edizione della rassegna tricolore che premierà senza dubbi gli atleti migliori, i più tecnici, in considerazione che discesa libera e superG andranno in scena proprio sulla temuta “Franco Berthod”. Miglior crono nelle due manche e tempo complessivo di 1’34”48 consegnano al francese Antoine Marical la vittoria nello slalom, a precedere il lecchese, primo Giovani, Ivan Codega (1’36”64) e il connazionale Steven Théolier (1’36”74). Al quarto posto, secondo Giovani, il finanziere genovese, e azzurro di squadra B, Francesco Romano (1’36”90), con quinto il carabiniere altoatesino Pirmin Anstein (1’37”16).  Terzo posto nella Fis Giovani per il friulano Giuseppe Muller (settimo assoluto), di poco davanti a Nicolò Colombi e a Pietro Franceschetti. Seguono Aaron Hofer ed Emanuele Buzzi di Sappada, primo Aspiranti.

Articolo precedenteLa Thuile, si rivede Max Rinner
Articolo successivoWengen, 12.30 si parte
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...