Artisti e vecchie glorie in pista a La Thuile per sostenere la FISIP

La Gara dei Sogni è stata apprezzata anche dal pubblico. Ora si guarda al futuro e ad altre iniziative

0
Partecipanti e organizzatori della prima edizione de La Gara dei Sogni
Partecipanti e organizzatori della prima edizione de La Gara dei Sogni

Nazionale artisti contro vecchie glorie. La Thuile, che solo una settimana è stata teatro di gara della Coppa del Mondo femminile, ha ospitato ieri la prima edizione de La Gara dei Sogni. Sulla pista Maison Blanche si è disputato un parallelo benefico per sostenere la FISIP, la Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici. Alexia, Luca Iurman, Max Laudadio, Giorgio Mastrota e tanti altri hanno sfidato le vecchie glorie dello sci e dello snowboard valdostano. Hanno partecipato Davide Vuillermoz, Margherita Parini e anche Maria Rosa Quario, la mamma di Federica Brignone.

BUONA LA PRIMA – Un evento che ha riscontrato successo e che è stato organizzato in pochissimo tempo da Luca Iurman e Alberto Laurora. «I disabili nel mondo degli sport invernali sono sconosciuti – dice Iurman, creatore della NAST -, è un mondo nascosto e per questo motivo dopo diverse ricerche e approfondimenti ho deciso prima di creare la Nazionale Artisti e poi di trovare un professionista disponibile a organizzare l’evento». Così la NAST, nata da poco meno di due mesi, si è messa al lavoro e grazie ad Alberto Laurora è scesa in campo per il primo appuntamento ufficiale. Turisti e paesani, adulti e bambini. In tanti hanno voluto assistere all’evento benefico, cercando di strappare foto e autografi agli artisti italiani.

IL FUTURO – Questo è solo l’inizio perché Laurora e Iurman hanno progetti ben più ampi. «Avevamo bisogno di una prima edizione, ora proseguiremo anche fuori dalla Valle d’Aosta e magari anche dall’Italia. Vogliamo aiutare la FISIP e cercare di raccogliere i fondi. Una bella iniziativa anche perché non ci sono intermediari. Tutto il ricavato va direttamente nelle loro casse e questo è davvero molto importante». I vincitori? Tutti quanti, ma sul gradino più alto del podio sono saliti Giorgio Mastrota per lo sci alpino e Margherita Parini per lo snowboard.